[English] Printer-friendly version
The Ecumenical Patriarch
The Ecumenical Patriarchate
Bishops of the Throne
List of Patriarchs
Other Orhodox Churches
Theological and various articles
Ecological activities
Youth ministry
Interchristian relations
Conferences
Photo gallery
Holy Monasteries and Churches
Creed
Church calendar
Icons
Byzantine music
Contact details

Ἀρχική σελίς
Ἀρχική σελίς

Patriarchal Proclamation of Christmas 2013 in Italian.

Ἐπιστροφή
Ἐπιστροφή

Prot. N. 1109

MESSAGGIO PATRIARCALE
PER IL NATALE

+  B A R T O L O M E O
PER GRAZIA DI DIO ARCIVESCOVO DI COSTANTINOPOLI
NUOVA ROMA E PATRIARCA ECUMENICO
A TUTTO IL PLEROMA DELLA CHIESA
GRAZIA, MISERICORDIA E PACE
DA CRISTO SALVATORE NATO A BETLEMME

***

Fratelli e Figli amati nel Signore

“ Un bambino è nato per noi, e un figlio ci è stato dato.”
(Is. 9,5)

Con entusiasmo e gioia il Profeta ci fa conoscere con preveggenza prima di molti secoli la Nascita da una Vergine del Bambino Gesù. Naturalmente non si e trovato anche allora, al tempo del censimento sotto Cesare Augusto, un posto nell’albergo per alloggiare la Vergine che doveva concepire per opera dello Spirito Santo e così il suo sposo e custode San Giuseppe  fu costretto a condurla in una grotta, nella mangiatoia dei cavalli, per “generare il Bambino”.

Il cielo e la terra lo accolgono, offrendo il grazie al Creatore: “Gli Angeli l’inno, i cieli le stelle; i Maghi i doni, i pastori la meraviglia, la terra la grotta, il deserto la mangiatoia, e noi una Madre Vergine”, i Pastori vivono all’aperto per il “loro gregge” e custodiscono  “il custode della notte” e gli angeli inneggiano, guardando estasiati il Mistero. (Vespero della Festa di Natale).

La dolcezza della Santa Notte di Natale di nuovo abbraccia il mondo. E in mezzo agli sfinimenti e dolori dell’umanità, della crisi delle crisi, delle passioni e delle inimicizie, delle insicurezze e delle delusioni spunta di fatto e nel momento giusto come non mai la Incarnazione del Logos di Dio, il Quale è sceso come pioggia sull’erba nel seno della Sempre Vergine Maria, per far fiorire la giustizia e abbondanza di pace.

Nel silenzio e nella pace della Santa Notte di Natale, Gesù Cristo l’ineffabile, l’inconcepibile, l’invisibile, , l’incomprensibile, sempre esistente e sempre lo stesso, entra in un corpo, insignificante, semplice, povero, sconosciuto, nel dramma della storia. Entra allo stesso tempo come “angelo del gran consiglio, consigliere meraviglio,(…) dominatore,  principe della pace, padre del tempo futuro (Is. 9, 6).

Si, viene come uomo da Madre Vergine e scioglie l’intreccio della colpa e da con la Sua Grazia e la Sua misericordia una via di scampo alle incertezze della vita, destino e valore, ethos contenuto ed esemplare  e  modello nelle vicissitudini umane.

l Signore ha assunto tutta la natura umana e la ha santificata. Il Dio pre-eterno si è degnato di diventare per noi un embrione e di crescere nel ventre della Madre di Dio. Così ha onorato  anche la vita umana fin dal suo stadio primordiale ed ha insegnato il rispetto  nell’uomo dall’inizio della sua gestazione. Colui che ha creato tutte le cose è disceso per divenire come un  Neonato e per nutrirsi del latte della Vergine. Così ha onorato la verginità e la maternità, la spiritualità e la naturalità. Per questo San Gregorio il Teologo esorta: donne seguite la verginità, affinché Cristo vi faccia madri. (Discorso XLVIII,Per la teofania PG 36,313A).

E il Signore ha definito il vincolo coniugale dell’uomo e della donna in quella santa famiglia.
Questa istituzione della famiglia cristiana realizza la cellula della vita e la incubatrice del sano sviluppo dei figli psicologicamente e corporalmente. Pertanto da questo, essa realizza un bisogno della Chiesa, ma anche un dovere  della guida di ogni popolo e attraverso vari modi un aiuto alla istituzione della famiglia.

Per formare un bambino in modo sano e normale si chiede una famiglia dove l’uomo e la donna vivano in modo armonico, come un corpo, una carne, un’anima, subordinati uno all’altra.
Siamo sicuri che tutte le guide spirituali ed ecclesiastiche, come altri pastori che sono ovunque, ma anche coloro che dirigono le sorti del mondo conoscono e ammettono tale verità e realtà  divina che proclamiamo dal Patriarcato Ecumenico anche durante le Feste Natalizie di quest’anno. Tutti abbiamo bisogno di incoraggiare la formazione e il funzionamento di famiglie fisiologiche per costituire cittadini sani e felici psicologicamente, pieni di sentimenti di fiducia, retti dal sentimento di tutela di un padre forte e protettivo e di una madre affettuosa e piena di amore. Di una famiglia, sulla quale sosterà Dio.

Invitiamo  ed esortiamo tutto il pleroma della nostra Santa Chiesa Ortodossa,  affinché  rispondendo degnamente alla appello a cui  è stato chiamato, faccia tutto il possibile per il sostegno della istituzione della famiglia.

Fratelli, “la notte è avanzata, il giorno è vicino” (Rom. 12,13). Ecco i pastori avanzano verso Betlemme proclamando il miracolo e ci invitano a seguirli, come altri “sapienti scrutatori degli astri riempiti di gioia” (tropario della  4 ode del Mattutino di Natale), portando a Lui “doni preziosi, oro puro per il Re dei secoli; incenso per il Dio dell’universo; mirra per l’immortale, come morto di tre giorni” (di Anatolio, stichirà idiomela del Vespero di Natale).  Cioè i doni dell’amore e della nostra fede, della nostra prova come cristiani e naturalmente come ortodossi nella morale e nella tradizione, la nostra benedetta comunione, familiare, paterna, ecclesiastica , che rettamente ha agito sempre attraverso i secoli e continua fino ad oggi, di cui cellula della vita e della crescita secondo Dio è, lo ripetiamo, la famiglia.

Fratelli e Figli,

2013 anni sono trascorsi dalla Nascita secondo la carne di Cristo;
2013 anni, e Cristo come allora, non cessa di essere perseguitato nel volto dei deboli da Erode e da ogni specie di attuali Erode;
2013 anni, e Gesù è cacciato dal volto dei Cristiani in Siria, e non solo;
2013 anni, e Cristo fugge, come profugo assieme a loro, non in Egitto, ma in Libano, in Europa, in America e in ogni altro luogo per la sicurezza, nella insicurezza del mondo;
2013 anni, e il Bambino Gesù è ancora incarcerato con i due Vescovo della Siria, Paolo e Giovanni, con le monache ortodosse e ancora molti cristiani conosciuti e sconosciuti.
2013 anni, e Cristo è crocifisso ancora con quelli che sono torturati e uccisi per non tradire la loro fede in Lui.
2013 anni, e Gesù e ucciso ogni giorno nel volto di migliaia di embrioni , che i loro genitori non lasciano nascere.
2013 anni, e il Cristo è schernito e ingiuriato nel volto dei bambini sfortunati, che vivono sotto la crisi della famiglia, della miseria e della povertà.

Il Signore che ha detto: “Ogni volta che avete fatto queste cose ad uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt. 25,40-41),  è giunto e viene anche durante il Natale di quest’anno,  ad assumersi il dolore, l’afflizione e le sofferenze degli uomini. Per questi è venuto dalla Vergine, per questi è diventato uomo, per questi ha patito, è stato crocifisso, è risorto. Cioè per tutti noi. Dunque prendiamo ciascuno di noi la nostra croce personale per trovare grazia e misericordia, aiuto a tempo debito, perché sia “Con noi il Signore”, l’Emanuele  che è stato generato, il Salvatore e Signore. Amen.

Dato al Fanar, Natale 2013

+ Il Patriarca di Costantinopoli
Fervente intercessore presso Dio di tutti voi